Walter Musco

Walter Musco

Appuntamento sul palco di Culinaria SABATO 20 FEBBRAIO ALLE 19

Pastry Chef Walter MuscoLaurea in Scienze Politiche e un percorso da ricercatore in Diritto Internazionale alle spalle, ex gallerista di Arte Tribale in una delle vie storiche di Roma per l’Arte (Via Giulia), collezionista di orologi, viaggiatore e gourmet. Poi la svolta enogastronomica: oltre dieci anni fa decide di intraprendere un nuovo percorso, quello della cucina. Si iscrive a uno dei primissimi corsi di “Professione Cuoco” al Gambero Rosso al quale seguono due anni di stage presso “Acquolina” di Giulio Terrinoni, “Il Convivio” dei fratelli Troiani e “Antonello Colonna” a Labico e qualche anno come Personal Chef. Nel 2009 apre la Pasticceria Bompiani.
L’esperienza maturata in sette anni da autodidatta con la Pasticceria – in aggiunta agli incontri e ai corsi con Maestri come Gino Fabbri, Gianluca Fusto, Javier Guillen e Paco Torreblanca – gli permettono di crescere professionalmente e di attestare la Pasticceria Bompiani come una delle migliori nel contesto romano.

La contaminazione con l’Arte e la Pasticceria avviene quattro anni fa con la prima edizione di “Uova di Pasqua” dedicate al mondo dell’arte (l’ultima edizione si è tenuta nel 2015 a Milano).

La recente ristrutturazione della Pasticceria gli ha permesso, grazie anche al prezioso contributo dei due soci – Federico Cari e Joanna Irena Milewska – di incrementare l’offerta ed inserire l’Arte anche nella linea quotidiana di Torte, realizzando omaggi a Jackson Pollock, al Bauhaus di Walter Gropius e a Piero Manzoni.

Si definisce una persona “fuori dal coro”, scomoda, maniacale ed estremamente curiosa di tutto ciò che non conosce o che conosce poco. Nella realizzazione dei suoi dolci cerca sempre di dare importanza ai sapori, non inserendo troppi ingredienti e non rendendoli troppo dolci. La textura è un elemento importantissimo così come i contrasti di dolce/acido o grasso/acido. Ma ritiene fermamente che un elemento identificativo della sua pasticceria sia l’estetica e la precisione nella realizzazione dei prodotti e dei dettagli. Qui nulla è lasciato al caso e tutto viene realizzato all’interno dei propri laboratori.

Al momento sta lavorando alla prossima edizione dei “Uova di Pasqua” in cui, per la prima volta, abbandonerà l’arte pittorica proponendo una collezione speciale ispirata alla scultura, al design e all’arte industriale.